events

Open House 2019

Casa del Professore Open House 2019

Sin dalla prima visita è stato chiaro che il progetto dovesse assorbire parte della grande personalità di questa casa – sofisticata e decadente come la residenza urbana di un’anziana contessa. Spogliate le stanze delle carte da parati a fiori, delle cornici di gesso e delle boserie, è stata tradotta la ricchezza delle pavimentazioni: ogni ambiente ha graniglie di colore diverso, ritmate dalle soglie in ceramiche di Vietri pennellate a mano. Il corridoio, che struttura lo spazio della casa a pettine, è stato conservato interrompendo il sistema solo nell’ultima stanza, consegnando così al visitatore un inatteso ultimo ambiente, invisibile dall’ingresso.
link living corriere →

Casa di Viola Open House 2019

Viola ha 3 anni. La casa è la sua: piena di luce, di colore. I suoi genitori, Adele e Stefano, l’hanno comprata per avvicinarsi a Eleonora, la zia di Viola e a Costanza, sua cugina. Anche Eleonora è stata nostra committente, dunque ci piace pensare di aver cucito una famiglia in un fazzoletto di strade, tra via Giussano e via Carmagnola, Gli ambienti che originariamente si aggrappavano al corridoio sono stati aperti per far entrare la luce generando un nuovo spazio. In fondo al corridoio la stanza cieca è divenuta uno studio passante illuminato grazie a due grandi telai di vetro e ferro. In un gioco di ambienti a spirale si arrotolano la camera e il bagno. Al legno chiaro dei pavimenti che Viola lucida con lunghe scivolate, abbiamo alternato un trattamento a resina, blu di Prussia. Chi la trova a giocare sotto la sedia del padre può credere che si specchino i suoi occhi.

Open House 2018

Modo Open House 2018

A cura di bada architettura e paesaggio, Paolo Emilio Colombo e Valentina Frasghini

Visionario, capriccioso o prepotente – ecco il ritratto del committente, ops, dell’architetto, nell’eterna disputa tra il “ma perché ci avete chiamato?!” e “è casa mia o una pagina Pinterest”; accendiamo la luce sull’umanità di un processo che può farsi strumento di progetto. MODO è un circuito di 5 case e 4 istallazioni in 3 tappe che esplora il rapporto fra committente e architetto. A metà fra una ricognizione di tipi umani e una riflessione sull’approccio dei progettisti, MODO racconta alcune relazioni possibili e il loro impatto sulle case normali: l’architetto star e la committenza ammiratrice; il maieutico e i curiosi; il democratico inter pares; il rabdomante in cerca di coerenza in una committenza contraddittoria. Due case sono fuori Roma, rese “case nelle case:” grazie al progetto fotografico di Andrea Ferrari con UNDUO e alla performance ad hoc ideata con ¡Hola!

link professione architetto →

Open House 2018